Spedizioni internazionali: servizi, prezzi e tutto ciò che serve sapere

Al contrario di ciò che si pensa, spedire in Europa ma anche in tutto il resto del mondo dall’Italia non è affatto semplice. Capita però di dover effettuare questo tipo di spedizione per vari motivi e inviare pacchi o documenti ad amici, parenti o figli che studiano o lavorano lontano, oppure per questioni legate a vendite online, ecc.

Il problema principale è inerente la normativa come, ad esempio, gestione di dazi e dogane da superare, tempi di consegna da rispettare, uso del trasporto aereo, costi legati alle maggiori distanze e infine, bisogna decidere a quale corriere affidare la spedizione internazionale.

Non si tratta del fatto che esistono tante norme, ma di dover prestare attenzione e cura durante il processo di spedizione perché non ne va solo delle spese sostenute, bensì dei rischi ai quali si va incontro facendo passare le merci da un Paese all’altro, soprattutto al di fuori degli accordi europei.

Se stai spedendo all’estero dall’Italia, per prima cosa, preoccupatevi di cosa vi serve per far partire il tuo pacco.

 

Cosa serve per spedire dall’Italia all’estero

 

Se, ad esempio, state vendendo online e possedete un’ e-commerce, potreste avere bisogno di spedire all’estero e tenendo in considerazione che:

– sosterrete costi maggiori, pertanto, per fare un’ottimizzazione delle spese dovrete scegliere il corriere meno dispendioso;

– ci vorrà più tempo per le pratiche burocratiche, compreso l’adattamento del packaging dei prodotti e l’aggiornamento del software che userete per interagire con i corrieri e gestire gli ordini;

– dovrete organizzare la documentazione doganale, che spesso varia in base al Paese di destinazione e al tipo di pacco;

– rischierete maggiori disagi in caso di perdita del pacco o di mancata consegna: è buona abitudine seguire il track del pacco durante gli spostamenti;

– se è vero che bisogna risparmiare, è altrettanto sensato affidarsi a un corriere serio onde evitare seccature e mancate consegne.

 

Come organizzare una spedizione all’estero

 

Esattamente come per le spedizioni nazionali, anche per l’estero l’iter da seguire prevede: imballaggio del pacco, consegna al corriere, pagamento, tracciamento e ricezione della merce.

I maggiori corrieri sono in grado di organizzare spedizioni in ogni parte del mondo in pochi giorni, talvolta anche in sole 24 ore: se non avete urgenza, la spedizione classica sarà sicuramente meno onerosa.

A prescindere dal Paese di destinazione, l’imballaggio e la modulistica devono essere preparati con cura al fine di evitare contrattempi e incidenti che complicherebbero il compito del corriere.

Ogni Paese ha le sue regole, pertanto occorre conoscere quelle del luogo in cui state inviando la merce che non deve appartenere alla lista di quelle proibite come, ad esempio, alimenti deperibili, animali vivi, armi ecc.

In Europa è sufficiente la classica lettera di vettura fornita dal corriere scelto; al di fuori, invece, per superare la dogana occorre compilare e allegare:

– la fattura commerciale in cui riportare indirizzo di chi spedisce e di chi riceve, tracciamento della spedizione, lista della descrizione delle merci presenti nel pacco, motivi dell’esportazione, valore e costo sostenuto;

– il documento d’identità personale;

– la dichiarazione di libera esportazione.

 

La fattura commerciale non è obbligatoria per le spedizioni all’interno del territorio europeo.

Compilare la fattura commerciale e imballare con cura

 

All’interno della fattura commerciale, che è un documento doganale, occorre inserire, in modo corretto ed esaustivo:

– il contenuto del pacco che si vuole spedire, descrivendo categorie e prodotti e se si tratta di merce nuova o usata;

– l’indicazione precisa dei prodotti inseriti in lingua inglese, senza fornire inutili e vaghe descrizioni;

 

– il reale valore di mercato dei singoli prodotti;

– le ricevute d’acquisto della merce inviata, utili per eventuali reclami e rimborsi.

L’imballaggio deve essere idoneo alla merce contenuta nel pacco e dunque tale da preservarne l’integrità durante il viaggio. La scatola, ermeticamente chiusa con nastro per pacchi, deve essere di giuste dimensioni e in buono stato e il contenuto protetto con polistirolo o pluriball.

 

Predisposizione dei moduli doganali CN22 e CN23

 

I moduli CN22 e CN23, che sono in lingua inglese, servono per far viaggiare le merci oltre la dogana e non sono obbligatori nel territorio europeo.

Devono essere compilati meticolosamente in ogni loro parte, indicando:

– che tipo di articoli sono contenuti nel pacco;

– qual’è il valore di mercato dei prodotti;

– i dati del mittente e del relativo destinatario;

– i soggetti coinvolti nella spedizione.

 

La precisione dei dati è fondamentale per definire la corretta tassazione e il potenziale rimborso, per garantire sicurezza, salute pubblica e protezione dell’ambiente; sono utili, inoltre, per permettere ai doganieri di capire se applicare o meno i dazi.

 

La scelta del modulo CN22 piuttosto che del CN23 dipende dal peso del pacco:

– il primo è usato per merci fino a 2 kg di peso e 425€ di valore;

– il secondo per pacchi da 2 a 20 kg e per valore pari o superiore ai 425€.

 

Quali documenti usare per le spedizioni internazionali

 

La fattura commerciale è usata quando la spedizione internazionale viaggia fuori Europa con corriere espresso e in questo caso non sono necessari i moduli CN22 e CN23.

Se il pacco viaggia fuori dall’Unione Europea con corriere postale, è obbligatorio sia l’utilizzo della fattura commerciale e sia dei moduli CN22 o CN23, da scegliere in base al pacco.

La fattura commerciale è obbligatoria per le spedizioni e-commerce, i moduli CN22 CN23 solamente per i servizi postali.

 

Le scelte migliori per spedire all’estero dall’Italia

 

Per essere certi di non sbagliare la scelta quando spedirete all’estero, dovrete analizzare due fattori principali:

– i tempi di consegna, soprattutto se avete necessità di far arrivare presto il pacco;

– il prezzo della spedizione, in base a quanto saranno disposti a spendere ai vostri clienti.

 

Rivestono un ruolo determinante anche il valore e il tipo di merce da spedire e in tal caso, tenete conto:

– che il corriere espresso è quello maggiormente usato dai venditori sul web, soprattutto per pacchi piccoli e leggeri: la scelta varia in base alla velocità della spedizione e del prezzo;

– la spedizione con l’aereo è la più sicura ed è usata per inviare pacchi in altri continenti: garantisce rapidità ma è abbastanza costosa;

– le spedizioni navali sono ugualmente sicure, ma sono lente se paragonate a quelle aeree. Sono usate per lo più per pacchi voluminosi e pesanti.

 

Spedizione migliore dall’Italia per e-commerce

 

I venditori online vorranno sapere, in sintesi, quale spedizione internazionale sia più adatta alle loro esigenze ma, anche in questo caso, non esiste un’unica risposta.

La scelta deve tenere conto del valore totale dei prodotti, di quanto si vorrebbe far pagare per la spedizione ai clienti, quanto questi sono disposti ad aspettare prima di ricevere il pacco e qual’è il vostro margine di guadagno sui prodotti che vendete.

Più una consegna e rapida e maggiori sono i costi della spedizione: se i beni hanno un valore totale importante, anche l’esigenza del cliente di ricevere prima il pacco, di certo, lo sarà. In questo caso il corriere espresso è quello che meglio risponde a questa fattispecie e al contrario, un sistema più lento sarà più idonei per i pacchi di basso valore.

 

 

Quando spedite all’estero il prezzo della spedizione varia principalmente in base al peso e alla dimensione del pacco, pertanto dovrete tenere conto di questi fattori durante la scelta del corriere.

È fondamentale anche valutare il rapporto tra il valore del pacco e quanto sono disposti a spendere i vostri clienti per averlo rapidamente.

I documenti necessari devono essere compilati in maniera corretta e allegati in base al tipo e al luogo di spedizione.

Ma la buona notizia è che per tutte le pratiche di gestione delle spedizioni c’e’ Alfred la piattaforma di Dynamic Delivery. Provala subito è gratis!

 

Scarica gratuitamente la guida operativa per eliminare i resi